Bufale e mancanza di umiltà: appello ai condivisori compulsivi

Caro condivisore compulsivo, questo appello si rivolge a te, che passi tutto il tempo possibile e impossibile su facebook; a te che quando leggi una notizia emotivamente forte, la condividi senza verificarla. A te che pensi, che le notizie sono fatte apposta per essere condivise e sono tutte vere, salvo prova contraria, ma non ascolti mai quando ti danno la prova contraria da più parti. A te che dici, basta leggere il titolo e l’anteprima per poter essere certi che valga la pena diffondere…
No, ti prego. Tu dovresti avere un po’ più di umiltà, quando ti fanno notare di aver scritto una stupidaggine, abbi almeno l’accortezza di ascoltare cosa gli altri hanno da dirti, se proprio ti costa troppo chiedere scusa.
Prova a metterti nei panni di chi ha tentato di farti aprire al mondo di internet, per fornirti uno strumento di maggior conoscenza, e poi tu questo strumento lo usi per far cazzate.
La tecnologia non combatte l’ignoranza, proprio no. L’ignoranza va combattuta, con l’aiuto della tecnologia, ma tramite la forza di volontà.